venerdì 3 aprile 2015

                      Easter 2015



Cari amici ed amiche, eccoci qua, ci siamo quasi, mancano 2 gg. a Pasqua e anche quest'anno ho avuto il privilegio di dipingere il Cero Pasquale della nostra Cattedrale. In realtà il cero è arrivato qualche giorno fa, con molto ritardo, così da non poter dipingere molte decorazioni, ma l'essenziale. I tempi di asciugatura della pittura vanno rispettati e quindi…..

Questo è il Cero di quest'anno




Questo dell'anno passato, pieno di colature della cera, ma, lasciatemelo dire….. sempre bello il mio cero.






Lo so non è mio, ma lo sento un po mio, perché da quando arriva, ancora imballato, ho l'onore di scartarlo e dipingerlo.

Il Cero Pasquale è molto importante perché è il Cristo Risorto che vince le tenebre della morte. Viene acceso nella Veglia pasquale il sabato sera.
Si fa un falò, fuori della Cattedrale che è buia, il Vescovo accende per la prima volta il Cero Luce della vita, che impedisce di camminare nelle tenebre. Dopo aver benedetto il fuoco, segna con una croce il Cero pasquale, poi segna l'Alfa e l'Omega, prima e ultima lettera dell'alfabeto greco, per indicare che Cristo è principio e fine di tutte le cose, ed infine segna l'anno, Gesù signore del tempo e della storia, che vive oggi per noi. Con il cero acceso si entra in cattedrale e tutti i fedeli accendono il loro lumino dal Cero, il Vescovo lo innalza per 3 volte dicendo “Cristo luce del mondo” l'assemblea risponde “Rendiamo grazie a Dio”.

A questo punto non resta che darvi i miei più sentiti e gioiosi auguri di Buona Pasqua, che il Signore illumini il vostro cammino e vi dia tanta pace e serenità nei vostri cuori. Un bacio Emanuela